Scelta Del Redattore

5 Cose che un reumatologo vuole sapere sull'artrite reumatoide

Elaine Husni, MD, MPH

Key Takeaways

Avere l'artrite reumatoide non è colpa tua.

È importante ottenere le informazioni corrette su artrite reumatoide dal tuo medico.

Mangiare bene e smettere di fumare può aiutarti a facilitare la convivenza con la RA.

Se ti è appena stata diagnosticata l'artrite reumatoide (RA), probabilmente hai molte domande sulla condizione e che cosa può significare per la tua salute futura e qualità della vita.

Questa malattia infiammatoria autoimmune colpisce molte persone: 1,5 milioni di adulti statunitensi (o 1 per cento della popolazione adulta), secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) .

La gravità di RA va riesamina da persona a persona e può essere lieve, moderata o grave.

Quando hai l'artrite reumatoide, il tuo sistema immunitario attacca erroneamente i rivestimenti delle articolazioni (chiamato sinovia), provocandone l'infiammazione e il dolore.

L'AR può iniziare a qualsiasi età - più comunemente negli anni Venti e Trenta - e tipicamente causa dolore alle articolazioni, affaticamento e rigidità prolungata dopo il riposo, afferma il CDC.

Come in ogni condizione, tra le nuove domande sorgono diagnosticato, che va dalla natura della RA stessa alle opzioni di trattamento.

Elaine Husni, MD, MPH, un reumatologo presso la Cleveland Clinic in Ohio e direttore del centro di trattamento per artrite e muscoloscheletrici, risponde ad alcune di queste domande e indirizzi lei e altri reumatologi sentono più spesso.

Ecco cosa aveva da dire.

1. Non è colpa tua se hai l'artrite reumatoide

C'è una tendenza tra i pazienti di nuova diagnosi a incolpare se stessi, dice il dott. Husni.

"Uno dei malintesi più comuni su RA è che hai fatto questo a te stesso," lei dice. "Non conosciamo veramente la causa delle malattie autoimmuni, ma molte volte i pazienti chiederanno: 'Cosa ho fatto per ottenere questo?'"

Anche la causa dell'artrite reumatoide non è chiara, ma come altre malattie autoimmuni, è innescato quando il sistema immunitario del corpo non funziona correttamente e attacca i tessuti e le cellule sani, secondo l'American College of Rheumatology.

Le malattie autoimmuni, che vanno dalla RA alla sclerosi multipla e al diabete di tipo 1, sono abbastanza comuni; infatti, il Dipartimento di salute e servizi umani degli Stati Uniti riferisce che i disordini autoimmuni colpiscono più di 23,5 milioni di americani.

2. Sull'artrite reumatoide

Un altro passo importante quando ti è stata diagnosticata la RA è quello di informarti sulle condizioni, dice Husni.

Le paure e le idee che i pazienti con diagnosi recente spesso hanno sulla RA di solito vengono da internet o da qualcuno che conoscono, dice Husni, "quindi i pazienti a volte ricevono informazioni errate. Inoltre, penso che la malattia autoimmune sia un concetto più difficile da comprendere.

I pazienti spesso mi chiedono, cosa significa autoimmune ? Non l'ho mai avuto prima. Sono stato in buona salute per tutta la vita. '"

Comprendere la RA può essere un po' difficile, aggiunge, e la conoscenza del paziente sulla condizione tende a cadere lungo uno spettro. "La prima fase della diagnosi è fornire ai pazienti le informazioni corrette di cui hanno bisogno", sottolinea Husni.

3. Chiedi al tuo medico quanto è attiva l'artrite reumatoide

Prima di poter effettuare le scelte di trattamento, devi determinare quanto è attivo il tuo RA.

"Le tre cose che i reumatologi normalmente fanno sono un esame, alcuni esami del sangue e cercare qualsiasi cambiamento dei raggi X nell'articolazione colpita ", afferma Husni." Questi sono i tre pilastri che guardiamo e, in base a quello che mostrano, possiamo generalmente classificarli come affetti da malattia lieve, da lieve a moderata o moderata a malattia avanzata. "

Quanto è attiva la malattia influirà sul piano di trattamento della RA. "Una delle prime cose che facciamo è cercare di capire dove ti trovi su quello spettro, perché i trattamenti e i consigli cambieranno per qualcuno con RA lieve rispetto a qualcuno con RA grave", aggiunge.

4. Altre condizioni di salute possono influenzare il trattamento RA

Il CDC riferisce che circa il 47% degli adulti statunitensi con artrite ha almeno un'altra condizione, indicata dai medici come una condizione di comorbilità.

Quindi un altro passo cruciale trattare la RA è scoprire se hai qualche comorbilità. "È molto importante vedere se hai malattie o disturbi associati che il tuo reumatologo deve prendere in considerazione", dice Husni.

Se hai la depressione, ad esempio, il tuo reumatologo potrebbe non voler prescrivere alcuni farmaci RA, perché potrebbero peggiorare la tua depressione

"Un altro esempio è se hai una storia familiare di sclerosi multipla. In questo caso, ci sono alcuni altri farmaci che non possono essere prescritti [per RA] ", osserva Husni.

È anche importante avere un medico di base che supervisiona tutti gli aspetti della tua salute e che può aiutare a curare qualsiasi condizioni di comorbilità che potresti avere.

5. Mangia bene, smetti di fumare e fai ciò che puoi per stare in salute

Adottare abitudini più sane può rendere più semplice la convivenza con l'artrite reumatoide, afferma Husni, aggiungendo che vorrai stare al passo e persino migliorare le sane abitudini che già hai .

"Ad esempio, ora non è il momento giusto per aumentare il fumo", dice, e se fumi, dovresti davvero fare uno sforzo per smettere di fumare. Il fumo è il più forte fattore di rischio modificabile per RA, secondo il CDC, aumentando il rischio da 1,3 a 2,4 volte; l'abitudine interferisce anche con l'efficacia di alcuni farmaci antiretrovirali.

"Se sei in sovrappeso, questo potrebbe essere il momento di perdere peso, perché sta stressando le articolazioni sopra l'AR", nota.

Dieta è un altro fattore di rischio modificabile. "Una sana alimentazione non può necessariamente fermare o curare la RA", ma può aiutarti a vivere meglio con essa, dice Husni.

Anche se non ci sono molte evidenze in questo momento che la dieta aiuta specificamente i sintomi della RA, dice, "I penso che ci saranno probabilmente molte più informazioni sulla nutrizione negli anni a venire. Penso che stia già accadendo, e credo che probabilmente giocherà un ruolo nel trattamento della RA. "

Top Image Credit: Alamy

arrow