Scelta Del Redattore

7 Consigli per evitare che la psoriasi rovini le vacanze

Non lasciare che la tua psoriasi rovini quello che dovrebbe essere un momento gioioso dell'anno trascorso con la famiglia e gli amici. Mulos Stankovic / iStock.com

Se sei uno dei 7,5 milioni di americani che vivono con la psoriasi, allora sai che le vacanze possono essere un periodo difficile.

Che si tratti di ciò che si mangia e si beve, il clima più freddo o il solito stress stagionale, ci sono molti modi in cui questo frenetico periodo dell'anno può innescare razzi e smorzare il tuo buonumore. Ma ci sono cose che puoi fare per gestire la tua psoriasi.

Ecco sette modi in cui puoi evitare che la psoriasi rovini quella che dovrebbe essere una stagione gioiosa.

1. Sapere cosa ti stressante - e gestirlo

Dai piani di viaggio allo shopping di regali per partecipare a grandi raduni, non è sempre facile mantenere la calma durante le vacanze - ma è importante. Anche se la psoriasi è una condizione genetica, i fattori ambientali - come un evento stressante della vita - possono peggiorare i sintomi, secondo Jessica Kaffenberger, MD, dermatologa presso il Wexner Medical Center dell'Ohio State University a Columbus.

Fortunatamente "ci sono molti di modi in cui le persone possono provare a ridurre lo stress ", afferma Jennifer Stein, MD, dermatologa della Langone Health della New York University. Il dott. Stein raccomanda esercizio, meditazione e yoga.

La National Psoriasis Foundation (NPF) suggerisce che le persone con psoriasi "aumentano la cura di sé" durante le vacanze. Stabilisci limiti ragionevoli su quanto puoi fare, tenendo presente che familiari e amici potrebbero non rendersi conto che le loro aspettative causano uno stress eccessivo.

"Se c'è una particolare tradizione di vacanza che conosci ti causa molto stress, parla con loro coinvolto nel saltare o fare un cambiamento ", dice Elaine Rodino, PhD, psicologa dello State College, Pennsylvania.

Impegnarsi in attività che conosci riducono lo stress, riposano molto e dicono" no "quando hai a. "A volte le persone non si rendono conto di quanto profondamente lo stress influenzi le condizioni psoriasiche", afferma il dott. Rodino.

Il dott. Stein sottolinea che esiste anche un legame clinico tra depressione e psoriasi Secondo il NPF, il 63% di tutte le persone con la psoriasi dicono che influisce molto sul loro benessere emotivo. "Per le persone che hanno vera ansia o condizioni mediche, è bene parlare con il medico se ti senti come lo stress sta causando un sacco di problemi nella tua vita", dice Stein.

2. Resta il corso quando si tratta di un trattamento

Con tutta l'attività durante le vacanze, può essere facile sbarazzarsi dei trattamenti, ma i farmaci di solito non sono efficaci se ti fermi e inizi. con il tuo regime di trattamento.

Le persone con psoriasi sanno che il prurito della pelle è uno dei sintomi più frustranti della condizione, ma graffiare quel prurito può essere una cattiva notizia, dato che non è raro vedere nuove placche svilupparsi. la tua crema idratante normale ovunque tu voglia andare oltre le vacanze ed essere generoso su eventuali punti problematici durante l'applicazione.

Se la tua psoriasi tende a migliorare in estate quando la tua pelle è esposta a più luce solare, parla con il tuo dermatologo dell'aggiunta di terapia della luce, nota anche come fototerapia, al tuo regime. "La fototerapia è un buon trattamento per la psoriasi", dice Stein. È un modo per i pazienti di tenere sotto controllo la loro psoriasi durante i mesi autunnali e invernali, quando è più difficile ottenere abbastanza luce solare naturale, dice

3. Guarda cosa (e quanto) stai mangiando

Come sottolinea Stein, la ricerca deve ancora confermare una connessione tra certi cibi e razzi psoriasici. Tuttavia, molte persone con la malattia infiammatoria credono che evitare certi cibi allevia i loro sintomi.

"Alcuni alimenti sono infiammatori, come zuccheri trasformati, farine e carni rosse, quindi è utile provare a mangiare più frutta e verdura fresca, "Dice Lynn M. Ludmer, MD, un reumatologo presso il Mercy Medical Center di Baltimora. "Può essere difficile questo anno di tempo, con un sacco di golosità per le vacanze a portata di mano. Un trucco che alcuni pazienti hanno condiviso con me è quello di mangiare cibo sano a casa prima di partire per una festa. Quindi sono meno propensi a desiderare cibi che non sono salutari per loro. "

Inoltre, la psoriasi è legata all'obesità, quindi uno stile di vita sano è importante. Perdere peso tende a ridurre i sintomi dell'infiammazione sistemica, afferma Gary Goldenberg, MD, assistente professore di dermatologia e patologia all'ospedale Mount Sinai di New York.

4. Bere in moderazione, se bevi a tutti

Un bicchiere di vino potrebbe contribuire ad alleviare alcuni dei tuoi stress da vacanza, ma consumare troppo alcol può scatenare un bagliore della psoriasi. L'alcol asciuga la pelle, il che non aiuta quelle chiazze di disarmo e rossore correlate alla psoriasi.

L'alcol e il trattamento della psoriasi potrebbero non mescolare bene. "È importante ricordare in questo periodo dell'anno che ci sono farmaci, come il metotrexato, che richiedono limitazioni nell'assunzione di alcol", dice il dott. Ludmer. Il metotrexato (Trexall) ha un effetto collaterale a lungo termine del danno epatico; e un consumo eccessivo di alcol, anche senza metotrexato, può danneggiare il fegato.

5. Educa la tua famiglia e gli amici alla psoriasi

Se la psoriasi colpisce parti del tuo corpo visibili, le persone potrebbero fissare involontariamente o evitare il contatto fisico con te. Ciò può causare stress e ansia che peggiorano solo la psoriasi.

Uno studio pubblicato a luglio 2016 nel International Journal of Molecular Sciences ha rilevato che la psoriasi era associata all'ansia sociale nel 46% dei pazienti.

"Le persone hanno paura di ciò che non sanno", afferma il dott. Kaffenberger. Potrebbero essere preoccupati per la tua condizione. Michelle Tarbox, MD, dermatologa presso il Centro di scienze della salute della Texas Tech University di Lubbock, Texas, concorda sul fatto che le persone con psoriasi si sentano spesso stigmatizzate a causa del malinteso secondo cui la loro condizione è contagiosa.

Il modo migliore per aiutare le persone a superare i loro equivoci sulla psoriasi è di aiutarli a capire che si tratta di una malattia autoimmune e non può essere diffusa.

6. Una vacanza felice e sana

Le festività si sovrappongono alla stagione fredda e influenzale e un'infezione può provocare la fiammata della psoriasi, dice Stein.

"Un'infezione che è famosa per la psoriasi accecante è lo streptococco, "Lei spiega. "A volte, dopo che le persone hanno mal di gola, possono ottenere una tremenda fiammata di psoriasi che sembra un sacco di piccoli punti su tutto il corpo. Questa è chiamata psoriasi guttata. "

Viaggiare può metterti a un rischio più elevato per la cattura di un insetto. Quando vai in giro è facile scappare ei germi si diffondono rapidamente in spazi ristretti come un aeroplano. Alcuni pazienti affetti da psoriasi assumono farmaci che sopprimono il loro sistema immunitario, quindi sono a più alto rischio di ammalarsi.

Siate vigili, dice Kaffenberger. Se inizi a notare sintomi di raffreddore o influenza, resta a casa e riposa. Evita le persone che mostrano segni di malattia. Lavati spesso le mani. Bevi molta acqua per rimanere ben idratato. Una dieta sana con un sacco di frutta e verdura ricca di antiossidanti può aiutare a rafforzare il sistema immunitario.

7. Non dimenticare di parlare con il tuo dermatologo

Un buon rapporto con il tuo dermatologo può aiutarti a superare le ferie e goderti le vacanze.

Kaffenberger dice che il tuo dermatologo potrebbe essere in grado di modificare il tuo regime di trattamento o mettere tu con un farmaco a breve termine per farti passare un momento particolarmente stressante.

"La cosa buona della psoriasi è che ci sono così tanti buoni trattamenti adesso," dice Stein. "Esistono trattamenti che possono chiarire completamente molti pazienti. Se soffri di psoriasi, ha senso vedere un dermatologo, perché c'è così tanto che possiamo offrire per migliorare la vita dei pazienti. "

arrow